12/04/2015 - Parco Naturale Regionale di Bric Tana

 

Associazione Culturale Entroterra Onlus
 

Escursione naturalistico-culturale:


Parco Naturale Regionale di Bric Tana

 
 

Domenica 12 aprile 2015, l'Associazione Culturale Entroterra Onlus organizza un'escursione al Parco Naturale Regionale di Bric Tana.


Istituita con Legge Regionale n. 7 del 27/2/1985, l'area protetta del Bric Tana e della Valle dei Tre Re, ora trasformata in Parco naturale regionale, è nata, come gli altri parchi liguri, per salvaguardare un ambiente od un fenomeno naturale di particolare interesse. Nel caso di Millesimo è stata l'esistenza di un fenomeno carsico, con doline ed inghiottitoi, a provocare l'inclusione del Bric Tana tra le aree degne di attenzione che vennero tutelate dalla legge n. 40 del 1977.

La storia recente del Bric Tana inizia negli anni '60 quando vengono segnalate le peculiarità dell'area. Alcuni anni dopo uno studio sistematico della zona ne descrive la caratteristica formazione geologica. In essa viene segnalata, nella zona di Millesimo, la presenza di calcare di scogliera e viene descritta la morfologia carsica formatasi in questo banco di calcare sovrastante rio San Sebastiano. In particolare è l'esistenza di un grande inghiottitoio esplorabile a rendere ancora più interessante la ricerca. Questa fenditura o grotta denominata "Tana" o, in dialetto, "Tana dra vurp" (Tana della Volpe, erroneamente traslato in italiano come Tana dell'Orpe) risulterà il vero punto nodale attorno al quale si intersecano la natura e la storia legate all'Area protetta. Nelle immediate vicinanze di questo fenomeno geologico è stato individuato un sito archeologico, che si è rivelato di prima importanza in Liguria e di un certo interesse anche a livello nazionale.

 

Ritrovo:  alle ore 08:00 a Finalborgo, presso Porta Testa,

              alle ore 09:30 a Chiesa di Acquafredda (fraz. di Millesimo).


L’escursione non richiede prenotazione e avrà un costo di € 5,00 (gratis per ragazzi sotto i 14 anni);

 

Si raccomanda di indossare un abbigliamento con scarpe adeguate, e di portare bevande e colazione al sacco.

 

In caso di maltempo l'escursione verrà rinviata ad altra data.

 
Vi invitiamo a consultare periodicamente questa pagina per eventuali aggiornamenti e notizie tecniche riguardanti l'escursione.
 
 

Per maggiori informazioni:


telefonare ai seguenti numeri: Flaviano 331-1171710; Matteo 349-4718197; Francesca 333-8771184

 
 
Materiale:
 
Comunicato stampa con foto
 
Tabella percorso ed altimetria
 
 
 
Galleria immagini
 
 
 
 
 
 

 


15/03/2015 - Perti: arma del Sanguineto ed altre grotte

 

Associazione Culturale Entroterra Onlus
 

Escursione naturalistico-culturale:


Perti: arma del Sanguineto ed altre grotte

 
Osservatorio di Bric Pinarella: misurazione inizio anno
 

A T T E N Z I O N E

 

A causa delle previsioni meteo non favorevoli

 

l'escursione e' rimandata a domenica 19 aprile 2015

 

 

Domenica 15 marzo 19 aprile 2015, l'Associazione Culturale Entroterra Onlus organizza un'escursione alla grotta del Sanguineto ed altre grotte.


Durante l'Ottocento in questa grotta vi aveva trovato rifugio una demente. A motivo di cio' la grotta del Sanguineto e' detta anche grotta della Matta.

La grotta e' situata sulla riva destra  dell'Aquila sul monte che separa la valle dell'Aquila da quella del torrente La Valle.

La larga apertura, circa 22 metri per 9 di altezza, si apre nel costone di pietra di Finale alla quota di 175 metri s.l.m. ed immette in un'ampia stanza dal suolo asciutto e polverulento. Vi si accede per un sentiero che attraversa un arco naturale formato da un grosso masso che, scivolando dall'alto, rimase appoggiato al monte.

Uno stretto cunicolo lungo 18 metri ed alto 60 cm permette l'accesso ad una saletta quadrangolare interna di circa 15 metri di lato con fondo irregolare, occupata lateralmente da vari salti in salita lungo una colata stalagmitica. In questa camera, creata dall'interstrato tra i calcari ed il conglomerato, sono stati rinvenuti, al di sotto della crosta stalagmitica, materiali archeologici.

E' la terza grotta finalese per importanza di frequentazione, dopo le Arene Candide e la Pollera.

I primi saggi archeologici di cui si ha notizia risalgono all'Ottocento e furono eseguiti da Don Pietro Deo Gratias Perrando a cui seguirono quelli di altri archeologi fino ad oltre la meta' del '900.

Gli scavi effettuati nel XIX secolo nella stanza maggiore hanno talmente alterato il deposito archeologico che gran parte della stratigrafia e' andata persa. La gran massa di materiale accumulato nei depositi dei musei di Finale, Genova e Torino ha permesso di ricostruire la possibile frequentazione umana della grotta basandoci su uno studio tipologico, ma non stratigrafico.

Gli scavi furono iniziati da Don Pietro Deo Gratias Perrando nel 1869. Issel nell'agosto del 1876 visito' la grotta insieme a Emanuele Celesia e successiviamente, nel 1907, vi effettuo' un piccolo intervento.

La grotta fu forse gia' frequentata nel paleolitico, ma il maggior utilizzo avvenne nel neolitico (4500-2800 a.C.).

In Liguria Geologica e Preistorica Arturo Issel scrisse che gli oggetti raccolti in questa caverna dal R. D. Perrando e da lui sono in "parte somigliantissimi, parte identici a quelli rivenuti negli strati medi e profondi delle Arene Candide, per cui si deve argomentare che risalgono alla medesima età".

Ritrovo: alle ore 09:30 a Perti (alto) fraz. di Finale Ligure, piazza della chiesa di S. Eusebio

L’escursione non richiede prenotazione e avrà un costo di € 5,00 (gratis per ragazzi sotto i 14 anni);

 

Si raccomanda di indossare un abbigliamento con scarpe adeguate, e di portare bevande e colazione al sacco.

 

In caso di maltempo l'escursione verrà rinviata ad altra data.

 
Vi invitiamo a consultare periodicamente questa pagina per eventuali aggiornamenti e notizie tecniche riguardanti l'escursione.
 
 

Per maggiori informazioni:


telefonare ai seguenti numeri: Flaviano 331-1171710; Matteo 349-4718197; Francesca 333-8771184

 
 
Materiale:
 
Galleria immagini

 


22/02/2015 - Escursione sulla neve - Monte Settepani

 

Associazione Culturale Entroterra Onlus
 

Escursione naturalistico-culturale:


Gita sulla neve - Monte Spinarda Settepani

 
Gita sulla neve
 

A T T E N Z I O N E


A causa delle previsioni meteo non favorevoli e delle non ottimali condizioni ambientali


la gita e' rimandata a domenica 22 febbraio 2015

con nuova meta e luogo di ritrovo.



L'escursione avra' come destinazione il Monte Settepani


Ritrovo: alle ore 10:00 sulla strada del Melogno al bivio per Osiglia,
presso l'osteria del Din.


L'escursione verra' effettuata anche in caso
di tempo incerto (nevicate moderate)

 

Domenica 15 22 febbraio 2015, l'Associazione Culturale Entroterra Onlus organizza un'escursione sulla neve al Monte Spinarda Settepani.

 

Ritrovo: alle ore 10:00 al Colle del Quazzo (tra Calizzano e Garessio) presso l'osteria del Din sulla strada statale per il Colle del Melogno, al bivio per Osiglia.


L’escursione non richiede prenotazione e avrà un costo di € 5,00 (gratis per ragazzi sotto i 14 anni);

 

Si raccomanda di indossare un abbigliamento adeguato, scarponcini impermeabili, giacche a vento, bastoncini da trekking, ciaspole (possibilita' di affittarle a Finalborgo, Calizzano, Savona: informarsi per tempo... non e' facile trovarle) e di portare bevande e colazione al sacco..

 

A seconda delle condizioni meteo e neve la meta e appuntamento potranno subire variazioni.

 
Vi invitiamo a consultare periodicamente questa pagina per eventuali aggiornamenti e notizie tecniche riguardanti l'escursione.
 
 

Per maggiori informazioni:


telefonare ai seguenti numeri: Flaviano 331-1171710; Matteo 349-4718197; Francesca 333-8771184

 
 
Materiale:
 
Galleria immagini

 


12/10/2014 - L'osservatorio del Bric Pinarella

 

Associazione Culturale Entroterra Onlus
 

Escursione naturalistico-culturale:


L'osservatorio del Bric Pinarella

 
Osservatorio di Bric Pinarella: misurazione inizio anno 
 

Domenica 12 ottobre 2014, l'Associazione Culturale Entroterra Onlus organizza un'escursione all'osservatorio di Bric Pinarella e, a seguire, incontro nella borgata di Lacremà: un borgo che rinasce.


Sull'altopiano di S. Bernardino negli anni '60 del secolo scorso venne rinvenuta una costruzione diroccata in pietra, separata dalle altre caselle, nel folto del bosco. Indagini svolte all'inizio di questo secolo dimostrarono trattarsi di un vero e proprio osservatorio astronomico in pietra destinato alla misurazione dell'inizio dell'anno e del mezzogiorno locale, grazie, rispettivamente, ad un foro in una pietra che  indica il sorgere del sole agli equinozi e a due pietrefitte che definiscono il meridiano del luogo.

Il sito si trova sulla dorsale che unisce il Ciappo de Cunche con l'abitato di S. Bernardino.

Questa dorsale fa parte dei resti dell'antico penepiano calcareo conchiglifero emerso dal mare nel Miocene. L'erosione dagli agenti atmosferici vi ha scavato tre valli principali (Pora, Aquila e Sciusa), alcune piccole valli pensili ed un intricato sistema di acque ipogee che hanno dato origine ad oltre quattrocento grotte oggi esistenti nel Finalese ed abitate, quasi tutte, dall'uomo fin dal paleolitico inferiore.



Ritrovo: alle ore 09:30 a Finale Ligure, Calvisio vecchia (S. Cipriano)

 

L’escursione non richiede prenotazione e avrà un costo di € 5,00 (gratis per ragazzi sotto i 14 anni);

 

Si raccomanda di indossare un abbigliamento con scarpe adeguate, e di portare bevande e colazione al sacco.

 

In caso di maltempo l'escursione verrà rinviata ad altra data.

 
Vi invitiamo a consultare periodicamente questa pagina per eventuali aggiornamenti e notizie tecniche riguardanti l'escursione.
 
 

Per maggiori informazioni:


telefonare ai seguenti numeri: Flaviano 331-1171710; Matteo 349-4718197; Francesca 333-8771184

 
 
Materiale:
 
Galleria immagini

 


27/09/2014 - Concerto del Duo O'Carolan

Associazione Culturale Entroterra Onlus
 

Concerto del Duo O'Carolan

 

Sabato 27 Settembre 2014 alle ore 21:00 nella chiesa di San Sebastiano a Perti (frazione di Finale Ligure), l'Associazione Culturale Entroterra Onlus organizza, in collaborazione con la Parrocchia di S. Eusebio di Perti e con il patrocino e contributo del Comune di Finale Ligure, un concerto del Duo O'Carolan.

 

Fabio Rinaudo (uilleann pipes, Scottish lowland smallpipes, whistles) ed Elena Spotti (arpa celtica), che fanno parte anche del gruppo Birkin Tree, ci intratterranno con antiche melodie dall'Irlanda e dalla Scozia.

 

Spettacolo inserito nella XXVI edizione della manifestazione regionale Musica nei Castelli di Liguria.

 

 

Ingresso libero.

 


Per maggiori informazioni:


telefonare ai seguenti numeri: Flaviano 331-1171710, Matteo 349-4718197, Francesca 333-8771184

 

Materiale:

Comunicato stampa



Come arrivare al luogo del concerto:

 

Rassegna stampa:

Corelli: Musica nei Castelli di Liguria

Savona News, domenica 21 settembre 2014, 10:30

Radio Savona Sound News, domenica 21 settembre 2014, 14:28

Liguria on Line Info, domenica 21 settembre 2014, 15:35

Facebook-Savona News, domenica 21 settembre 2014, 17:56

Savona News, lunedì 22 settembre 2014, 17:30

Comune di Finale Ligure, giovedì 25 settembre 2014

Turismo provincia di Savona - Riviera delle palme, giovedì 25 settembre 2014

Savona News, venerdì 26 settembre 2014, 10:00

Savona metelocale.it, venerdì 26 settembre 2014

IVG.it - Il Vostro Giornale


 


14/09/2014 - Trexenda: sulle orme dei partigiani

Associazione Culturale Entroterra Onlus
 

Escursione naturalistico-culturale:


Trexenda: sulle orme dei partigiani

 
 

Domenica 14 settembre 2014, l'Associazione Culturale Entroterra Onlus organizza un'escursione nella Trexenda, sulle orme di partigiani.

 

L'escursione avra' punto di ritrovo presso la localita' Rocche Gianche nel comune di Vezzi Portio e si svolgera' su un percorso ad anello che avra' come centro la Colla del Termine. Da questo luogo i percorsi si dirameranno in direzione del Forte Baraccone, della grotta del comando partigiano e della Villa De Mari, vestigia della presenza umana del passato, sia in termini di presidio militare che di attivita' rurale e di utilizzo boschivo di questo territorio.

 

Villa De Mari.

Il complesso, costituito oltreché dal palazzo nobiliare anche dalla chiesa di Sant'Anna, fu edificato nel corso del XIX secolo, anche se il primo impianto potrebbe essere risalente al XVII secolo, su un latifondo acquistato nel 1722 da parte del marchese Lorenzo De Mari (i coppi del palazzo portano ancora lo stemma di questa familgia). Sito in località Parco delle Taglie, nel Comune di Quiliano, la proprietà dell'edificio è oggi della famiglia Murialdo di Savona.

 
Forte Baraccone.
Posto sulla dorsale tra le vallate del Trexenda e della Bormida di Mallare, fu edificato alla fine del '600 dalla Repubblica di Genova per prevenire scontri tra altaresi e quilianesi sull'utilizzo dei boschi della Consevola.
 
 

Ritrovo alle ore 9:30 a Vezzi Portio, localita' Rocche Gianche.

Rientro previsto per le ore 16:00 circa.
 

L’escursione non richiede prenotazione e avrà un costo di € 5,00 (gratis per ragazzi sotto i 14 anni);

 

Si raccomanda di indossare un abbigliamento con scarpe adeguate, e di portare bevande e colazione al sacco.

 

In caso di maltempo l'escursioni potra' essere modificata o rinviata ad altra data.

 
 

Per maggiori informazioni:


telefonare ai seguenti numeri: Flaviano 331-1171710; Matteo 349-4718197


 

Come arrivare al luogo di ritrovo:


  • Da Vado Ligure:
    Procedere su Via Piave in direzione Valle di Vado; continuare su Via Pertinace, Via G. Berlingeri, Via Gavotti, Via S. Bernardo, Via Nino Bixio.
    Svoltare leggermente a destra e imboccare Via B. Peluffo.
    Svoltare a destra e imboccare Via Cunio.
    Continuare su Via dei Tedeschi fino a raggiungere le Rocche Gianche.
  • Da Finale Ligure, Noli e Spotorno:
    Raggiungere Vezzi Portio.
    Imboccare Via S. Giorgio (in direzione delle frazioni S. Giorgio e S. Filippo)
    Nei pressi del municipio, subito dopo la curva, svoltare a destra seguendo le indicazioni Rocche Gianche;
    dopo circa 450 m la strada diventa sterrata.
    Dopo circa 950 m si raggiungere un altro incrocio: svoltare leggermente a destra proseguendo in salita.
    Raggiunto il successivo incrocio svoltare a sinistra imboccando Via dei Tedeschi (la strada e' nuovamente asfaltata).
    Continuare su Via dei Tedeschi fino a raggiungere le Rocche Gianche.


Da Finale Ligure, Noli e Sportorno Da Vado Ligure
 
 
Materiale:
 
Galleria immagini

 


Questo sito fa uso di cookie. Per saperne di più sui cookie e come eliminarli, vedere l'informativa sull'utilizzo dei cookie.

Cliccando su "OK" o proseguendo nella navigazione, accetti l’uso dei cookie.

EU Cookie Directive Module Information